Incontro Parents/Prof.

Ieri sera puntuali alle ore 17.50 eravamo davanti ad una delle aule a cominciare la fila dove c’erano i professori che aspettavano noi genitori per un colloquio singolo con ognuno di noi, preferiscono che i ragazzi siano presenti per spiegare loro le dinamiche o elargire consigli.

E’ stata una serata lunga, siamo poi usciti alle 21.00 senza essere riusciti ad incontrare la prof di Inglese e quello di Scienze Economiche e Sociali perché già andati via.

Il prof Principale ci ha consegnato la pagella, dicendoci: bene, non ho nulla da aggiungere se non il fatto che “qualsiasi cosa tu abbia bisogno“, rivolgendosi a nostra figlia,  “o hai qualche osservazione non esitare a venirmene a parlare, noi siamo vigilanti  e sei protetta da noi professori.”

Quello di Matematica, che è un pazzo scatenato, ma fantastico, ha detto che lui è molto contento di nostra figlia,  che si scusava di non aver visto cosa stava succedendo e che se c’è un problema nelle sue ore di fare un cenno e sistemerà la cosa,  ha  poi aggiunto a Cris : ” a casa c’è il tuo papà e a scuola sono io il tuo papà“. (siamo rimasti senza parole).

La prof di Scienze della vita e della terra, fantastica, una signora di una certa età, molto severa in classe ma di una dolcezza infinita, ha preso per le mani la Figliola e le ha parlato direttamente negli occhi dandole consigli e promettendole che adesso lei vigilerà e non metterà più vicino le suddette ragazze e non lascerà passare nulla di nulla.

La prof di Spagnolo è completamente fusa, nel senso positivo, adora nostra figlia e si è scusata per averle dato un 12/20,la sua media è di 15/20,  anche lei le ha detto che in classe farà in modo di vigilare e che deve fregarsene di cosa possono dire e di partecipare,di rimanere tranquilla che ci pensa lei, di mandarle mail quando chiede di fare un progetto che le suggerirà cosa mettere,  che  “hai grandi potenzialità, che può arrivare facilmente all’eccellenza.”

La prof di Francese è una donna fantastica, veramente, di una profondità e di una severità d’altri tempi, ma allo stesso tempo dolce e ferma, anche lei come sopra è contentissima dei risultati di Cris, nostra figlia ha chiesto se ha la possibilità di andare in ( liceo lettere/lingue) , lei ha detto che non ci sono assolutamente problemi anzi,non  potrebbe che avere solo buoni se non ottimi risultati, le ha suggerito qualche astuzia per migliorarsi ancora e arrivare all’eccellenza. Ha detto che vigilerà di tenere separate e lontane le tipe da lei, e se c’è un qualsiasi problema di andarla a vedere immediatamente, di non esitare.

La prof di Storia e Geografia, è una “ragazza”, dolce ma severissima, anche lei molto stretta nel dare i voti, naturalmente  contentissima di Cris, anche lei di andarla a vedere, di parlare a fine corso, le ha detto che le darà delle letture, visto che  Cris adora leggere, sull’argomento trattato per approfondire le argomentazioni,  di continuare cosi.

L’ ultimo il prof di Fisica e Chimica, ragazzo giovane che non sorride mai, l’unica materia dove ha difficoltà, ha solo la moyenne, 10/20 , lui le ha detto che deve solo studiare a memoria il suo corso, le definizioni e basta, non vale la pena fare di più, mhmmm vederemo.

A parte quest’ultimo che non piace agli alunni né tanto meno ai genitori, anche proprio come persona, gli altri li trovo simpatici, dinamici,  gli piace il loro lavoro,  trasmettono la passione per le loro materie,  siamo molto contenti per Cris, per come sta proseguendo il suo cammino, anche perché il Liceo nella scuola francese non è facile,  molti finiscono nelle filiere professionali e per farvi capire ragioneria è un settore professionale, come già detto più volte il ragazzo /a fa un voto, ma poi alla fine sono i prof che decidono dove devono andare.

NB: Ho dimenticato di dirvi che nostra figlia studia italiano , per il primo anno con CNED, ovvero per corrispondenza, via mail, skype, con una professoressa francese in Francia, laureata in italiano, ora capisco perché la Responsabile dell’orientalizzazione c’ aveva chiamato per sapere se in casa parlavano in italiano, alla risposta che si lo parlavano lei ha aggiunto a ok bene, perché è difficilissimo.. il suo voto per il primo trimestre è 20/20.

2 thoughts on “Incontro Parents/Prof.

  1. Buon giorno Alessandra, ho letto sempre, ma questa volta con particolare interesse, quanto lei scrive nel suo blog. Con “amore” ho seguito i problemi di Cris di come le abbiano complicato e amareggiato la vita scolastica, spero solo quella, e di come funzioni e sia organizzata la scuola francese.

    Per farla sorridere, ora, le racconto quanto invece accaduto con mio figlio Lorenzo. Lei sa che noi abbiamo la scuola media di tre anni e dalla quale, poi, si accede liberamenete a qualunque scuola superiore. Lorenzo non era nelle simpatie degli insegnanti della scuola media. E a dir la verit, non dipendeva solo dagli insegnanti, aveva un carattere aperto gi da allora e grande organizzatore di amici e conoscenti nel suo piccolo e poi pi in grande da studente liceale e universitario; era, per, immediatamente sulla “difensiva” e “brusco”, non appena avvertiva una minima chiusura da parte degli insegnanti. Sicuramente troppo per un ragazzetto. La conclusione del non dialogo che si cre progressivamente tra Lorenzo e i suoi insegnanti fu che ci consigliarono, caldamente, la scuola superiore di minor livello esistente in Perugia: tipo elettromeccanico o roba siimile; .non ritenendolo in grado di frequentare altre scuole (E magari avessi seguito il loro consiglio, almeno ora questo figlio avrebbe lavorato in Perugia vicino a noi e non in Messico). Per carit non capisca che considero meno questa professione, anzi…… solo che deve inquadrare tutto da un punto di vista di “capacit intellettuali” secondo i professori delle medie di allora. Il ragazzo mi riporta il giudizio degli insegnanti, pessimo, ma Lorenzo io lo conoscevo bene e vedevo come si organizzava e anche, per, per come era “dispersivo” nei suoi interessi in quanto cercava di approfondirli tutti senza ovviamente riuscirci. E ho tratto queste conclusioni. il ragazzo ragiona in maniera profonda su tutto, Ha interessi superiori a quella della “media” E’ dispersivo, E’ tenace. Conclusione: deve andare dove ci sono meno materie da studiare ( dispersivo); dove si studino materie formative da un punto di vista di “umanit” personale ed anche un po’ astratte ma anche materie estremamente logiche e formative (latino e greco) ha bisogno di essere inquadrato intellettualmente. Cio il liceo classico con otto materie contro le sedici di ragioneria e altri corsi professionali. Non le avrebbe mai studiate tutte. Quando a fine anno stato chiesto al ragazzo quale scuola avrebbe frequentato ha risposto il liceo classico, E perch? Risposta: perch ci sono meno materie da studiare. Ilarit generale avviamente. Ma il ragazzo riuscito bene e poi Architettura. E qui c’ un altro da raccontare su come arrivato a frequentare, con successo, questa facolt. Auguri a lei e a Cris, italiana dagli occhi chiari, e anche a tutta la sua famiglia. Paolo

    • Caro Paolo,
      grazie per la sua testimonianza, ed è proprio vero come alcune cose cambino, e come i ragazzi cambino con il passare del tempo, bisogna veramente saper fare le scelte giuste e non è detto che i professori li conoscano cosi bene.
      La cosa pian piano si sta sistemando e mia figlia è più tranquilla anche se una delle due non si è pentita per nulla, ma i compagni di classe che ora sono al corrente, la tengono d’occhio e la proteggono, per cui dovrebbe sistemarsi..
      le Auguro delle Buone Feste!!
      un abbraccio

Grazie per i vostri commenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...